No corruption zone, la presentazione della campagna di comunicazione interna contro la corruzione a Palazzo Gazzoli

25_02_2019

Prevenire la corruzione è una priorità di AST. Un impegno continuo e concreto, anche grazie alla campagna di comunicazione interna presentata a fine febbraio a Palazzo Gazzoli dal nostro amministratore delegato Massimiliano Burelli. Un’occasione per interrogarsi su un tema importante: come si combatte la corruzione? Lo abbiamo chiesto a Hanni Rosenbaum, Senior Director, Policy and Strategic Planning del BIAC dell’OCSE per avere una visione istituzionale internazionale. Al Min Plen. Alfredo Maria Durante Mangoni, coordinatore attività internazionali anti-corruzione del Ministero degli affari esteri, abbiamo chiesto il ruolo dell’Italia nei fori anticorruzione. Per il mondo del business, Giampaolo Leone, Group Compliance Officer Tim ha illustrato l’Anti- Corruption Compliance program nel Gruppo TIM e con Dr. Sebastian Lochen, chief compliance officer Thyssenkrupp Ag e Antonio Buonafine, regional compliance officer Thyssenkrupp e membro OdV di AST abbiamo ascoltato la visione della nostra capogruppo. Infine Nicola Allocca, Governance Director AST e Membro Task Force Anti-corruzione Business at OECD (BIAC), ha spiegato il nostro modello anticorruzione volto a far diventare AST una no corruption zone, un luogo dove non sia possibile perpetrare la corruzione.